Un divertente dialogo tra Andrea Camilleri e Tullio De Mauro che tra aneddoti e riflessioni, Manzoni e Gassman, Pasolini e il commissario Montalbano, Benigni e Pirandello, poesia, romanzo e teatro, racconta come la lingua esprima chi siamo veramente.